Certificazione Veicolo ora disponibile 🥳  →

Cos’è l’IPT e come si calcola?

Guida all'articolo

IPT è un acronimo di Imposta Provinciale di Trascrizione. Come suggerisce il nome, è una tassa automobilistica dovuta alla Provincia nella quale viene immatricolato il veicolo o dove ha residenza l’acquirente.

In questo articolo ti spiegheremo, nella maniera più semplice e più completa possibile, cos’è l’Imposta Provinciale di Trascrizione, come si calcola, a quanto ammonta ed in quali casi subentrano le esenzioni previste.

Cosa è l’IPT?

L’Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT) è un tributo associato all’acquisto di un’autoveicolo, sia esso nuovo o usato. Questa imposta è incassata dalla provincia in cui il veicolo viene immatricolato per la prima volta o, nel caso di passaggio di proprietà di un veicolo usato, dalla provincia in cui risiede l’acquirente.
L’IPT è versata nell’ambito delle procedure burocratiche di registrazione o aggiornamento dei dati relativi alla proprietà del veicolo presso il Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e la Motorizzazione Civile.

Sì, hai letto bene, autoveicolo: l’IPT è una tassa dovuta solamente per gli autoveicoli e non i motoveicoli, a meno che quest’ultimi non siano d’epoca i quali sono invece soggetti al pagamento di un’IPT fissa pari a €25,82.

Come si calcola l’IPT?

L’IPT si compone di una tariffa base alla quale si aggiungono delle maggiorazioni che dipendono dalla potenza del veicolo e dalle aliquote applicate da ciascuna provincia.

Al momento dell’immatricolazione o del passaggio di proprietà, sarà necessario corrispondere questa tassa alla provincia che va ad aggiungersi a tutti gli altri costi previsti (leggi l’articolo dedicato) che, per tua felicità, calcoleremo per te se decidi di svolgere il tuo passaggio di proprietà con pratico.it.

Ma come si calcola l’IPT?
Si parte calcolando l’importo che dipende dalla potenza dell’auto (ovvero la potenza termica – kW – che trovi sul libretto di circolazione alla voce P.2):

  • Per una vettura con potenza fino a 53 kW, l’IPT corrisponde alla tariffa base di €150,81
  • Per ogni kW aggiuntivo (oltre la soglia dei 53 kW), si aggiungono €3,51/kW

Ma non è tutto: se la provincia di immatricolazione o residenza dell’acquirente prevede una maggiorazione, questa deve essere aggiunta per il calcolo totale dell’IPT complessivamente dovuta.

Tabelle IPT: le percentuali di maggiorazione aggiornate al 2024

In questa tabella abbiamo riassunto per te le percentuali di maggiorazione dell’IPT applicate dalle diverse province.
Ti ricordiamo che questa percentuale non può superare la soglia del 30%, quindi occhio alle truffe!

Maggiorazione IPT*Province
+30% (massima maggiorazione consentita)Agrigento, Alessandria, Ancona, Ascoli Piceno, Asti, Bari, Barletta-Andria-Trani, Belluno, Bergamo, Biella, Bologna, Brescia, Brindisi, Cagliari, Caltanissetta, Campobasso, Caserta, Catania, Catanzaro, Chieti, Como, Cosenza, Cremona, Cuneo, Enna, Firenze, Fermo, Foggia, Forlì-Cesena, Frosinone, Genova, Imperia, Isernia, L’Aquila, La Spezia, Lecce, Lecco, Livorno, Lodi, Lucca, Macerata, Mantova, Massa Carrara, Matera, Messina, Milano, Modena, Monza e Brianza, Napoli, Novara, Nuoro, Oristano, Padova, Palermo, Parma, Pavia, Perugia, Pesaro Urbino, Pescara, Piacenza, Pisa, Pistoia, Potenza, Prato, Ragusa, Ravenna, Reggio Calabria, Rieti, Rimini, Roma, Rovigo, Salerno, Sassari, Savona, Siena, Siracusa, Sud Sardegna, Taranto, Teramo, Terni, Torino, Trapani, Treviso, Varese, Venezia, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Verona, Vibo Valentia, Viterbo
+25%Crotone, Ferrara, Sondrio
+20%Arezzo, Avellino, Benevento, Grosseto, Latina, Reggio, Emilia, Vicenza, Friuli Venezia Giulia (Regione)
Nessun aumentoAosta, Bolzano, Trento
Percentuali di maggiorazione per il calcolo dell’IPT complessivamente dovuta

*Queste maggiorazioni possono essere soggette a variazioni durante l’anno, su base provinciale. Assicurati di fare un ulteriore controllo sulla pagina dedicata del sito ACI.

Ottieni ora la Certificazione Veicolo

Ottieni l’unico report veicolo in Italia con dati ufficiali della Pubblica Amministrazione. Scopri di più sulla pagina dedicata.
Ah, sei già pronto a partire? Allora inserisci la targa qui sotto!

I
Formato targa non valido. Es: AA123BB o AA12345

Esempio di calcolo IPT

Se i numeri non sono il tuo forte, facciamo subito un paio di esempi di calcolo dell’IPT complessivamente dovuta, prendendo come riferimento due auto di potenze diverse.

Caso 1 – auto con potenza inferiore ai 53kW

Immaginiamo che:

  • stia acquistando un’auto di potenza inferiore a 53 kW
  • e che tu debba immatricolarla a Milano (o nel caso di passaggio di proprietà, che Milano sia la tua provincia di residenza)

In questo caso, l’IPT totale è composta dalla tariffa base di €150,81 (che viene arrotondata ad €151,00) alla quale deve essere aggiunta la maggiorazione del 30%, attualmente prevista dalla provincia di Milano, per un importo complessivo pari a €196,00 (€151 + €151 x 0,3).

Caso 2 – auto con potenza superiore ai 53kW

Supponiamo ora che:

  • l’auto di tuo interesse abbia una potenza termica pari a 190 kW
  • La provincia di riferimento sia sempre Milano

In questo caso, alla tariffa base di €150,81 si aggiungono €480,87 per i kW di potenza che superano la soglia (ovvero 190 – 53 = 137 kW x €3,51), per un totale arrotondato di €632,00.

Ma non è il costo finale siccome deve essere ancora aggiunta la maggiorazione provinciale (se presente).
L’importo di €632,00 resterà invariato se stai effettuando un’immatricolazione o passaggio di proprietà nella provincia di Aosta, Bolzano o Trento, mentre nel nostro caso dobbiamo aggiungere il 30% previsto dalla provincia di Milano.

Il costo finale dell’IPT per la nostra auto sarà quindi pari alla:
Tariffa base (€151,00) + (137 kW x €3,51) = €632,00 che maggiorato del 30% corrisponde ad un totale IPT pari a €822,00.

Casistiche particolari agevolazioni ed esenzioni IPT

Se è vero che per auto molto potenti l’importo dell’IPT possa raggiungere cifre non proprio trascurabili, è anche vero che le diverse province hanno anche previsto casistiche di esenzione o agevolazione (quindi riduzione) dell’IPT.

Le auto d’epoca, ad esempio, beneficiano della riduzione e pagano un importo di IPT fisso pari a €51,65, previo dimostrazione della sussistenza dei requisiti previsti per questa tipologia di auto.

Parlando delle casistiche in cui è prevista l’esenzione dal pagamento dell’IPT, ovvero l’importo dovuto è zero, esse si verificano nei seguenti casi:

  • Motocicli (ad eccezione dei motocicli d’epoca, per i quali invece è dovuto l’importo fisso)
  • Minivolture (vendite di veicoli da privati a concessionari)
  • Auto per Associazioni di volontariato
  • Auto per Particolari categorie di disabili

Per quanto riguarda le esenzioni per i portatori di handicap, queste si applicano alle seguenti situazioni:

  • Auto destinate a persone con ridotte o impedite capacità motorie permanenti;
  • Auto destinate a persone con gravi disabilità psichiche;
  • Auto destinate a persone con gravi limitazioni nella capacità di deambulazione o affette da pluriamputazioni.

Le persone con le disabilità certificate precedentemente, non necessitano il riconoscimento dei benefici previsti dalla legge 104/92 per usufruire dell’esenzione.
Per maggiori approfondimenti, viste le innumerevoli casistiche, ti rimandiamo alla consultazione della pagina ufficiale presente sul sito ACI.

Può sembrare strano, ma non rientrano nell’esenzione gli autoveicoli destinati al trasporto di non vedenti e sordi.

Infine, possono sussistere agevolazioni sull’IPT in relazione a formalità di passaggio di proprietà eseguite per taxi, veicoli NCC, veicoli per trasporto specifico, veicoli ad uso trasporto di cose per finalità aziendali e per “veicoli ecologici”, quindi veicoli elettrici, ibridi, a gas metano, GPL ed idrogeno.
Ma anche in questo caso, le agevolazioni variano da provincia a provincia e sono soggette a continue variazioni. Per maggiori approfondimenti (e per essere sempre aggiornato sulle ultime modifiche) ti rimandiamo alla consultazione della pagina ufficiale del sito ACI.

Con pratico.it ti dimentichi dell’IPT

L’IPT può sembrare un groviglio di numeri e regole, ma non lasciarti intimidire: di certo non saremo noi a chiederti le tabelline!
Il nostro preventivatore ti permette di calcolare il costo complessivo del passaggio di proprietà del veicolo (IPT inclusa) che intendi acquistare oppure, se hai già tutto chiaro, iniziare direttamente il passaggio di proprietà con pratico.it.

Inizia il tuo passaggio di proprietà con noi e goditi la serenità. Con noi è pratico! 😎

Consigliati per te

Truffe passaggio di proprietà

Truffe sul passaggio di proprietà di auto e moto: come riconoscerle ed evitarle 

atto di vendita auto

Atto di vendita e passaggio di proprietà: la differenza che fa la differenza

costi del passaggio di proprietà

I costi del passaggio di proprietà: quelli economici e quelli che non convengono per niente